#fatticoncreti: Spoleto nell’area del cratere

#fatticoncreti: Spoleto nell’area del cratere

I terribili eventi sismici che hanno messo in ginocchio il centro Italia nel 2016 sono ancora vivi nella memoria di ciascuno. In questi anni abbiamo però imparato a convivere con questi drammatici fatti e anche a superarli. Perché non è importante quante volte cadi, ma la velocità con cui ti rialzi.

E una delle ultime battaglie del nostro amato Sindaco Fabrizio Cardarelli è stata proprio quella di volere fortemente l’inserimento di Spoleto nell’Area del Cratere. Una scelta non da tutti condivisa, ma che alla luce dei fatti si è rivelata invece preziosa!

Questa scelta ha infatti consentito di beneficiare dei Fondi Governativi speciali destinati al consolidamento geologico del territorio, dell’area dello stadio comunale, ed alla promozione culturale e turistica della città e del territorio, con fondi per oltre € 3 ml.

Un aspetto per noi fondamentale è stato l’accordo stipulato con la Croce Rossa Italiana per l’utilizzo del Palatenda di Viale Marconi: grazie ad un contributo di € 900.000, sarà non solo un centro polifunzionale per lo sport, ma anche un punto di raccolta per le emergenze.

E l’inserimento di Spoleto nell’Area del Cratere ha significato € 30 milioni per le opere pubbliche e soprattutto € 56 milioni per la banda ultra larga al fine di cablare in fibra ottica i comuni del cratere: un’infrastruttura tecnologica straordinaria, i cui lavori inizieranno a breve, e che ci consentirà di attrarre aziende ed investimenti produttivi, migliorando sensibilmente i servizi di telecomunicazione.

Dunque, Spoleto nel Cratere è stata una mossa vincente perché ha permesso inevitabilmente di dare una spinta propulsiva al territorio che adesso dobbiamo gestire e capitalizzare al massimo nel prossimo futuro!

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *